CHI SIAMO

In occasione dell’anniversario dei quarant’anni dal suo primo Festival, il maestro Bruno Santori – per anni direttore d’orchestra e musicale della kermesse della canzone Italiana – omaggia la tradizione Sanremese riarrangiando alcuni dei brani più celebri che hanno partecipato agli oltre sessant’anni del Festival della canzone italiana, con il suo nuovo progetto e album: “JAZZ&REMO IL FESTIVAL”, uscito il 17 Febbraio 2017.

Il Bruno Santori Trio nasce dalla volontà di unire le esperienze professionali eterogenee e di grande spessore musicale dei componenti: Bruno Santori (pianoforte), Stefano Bertoli (batteria), Fabio Crespiatico (basso elettrico). La passione è sempre stata importante per tutti i protagonisti pur avendo percorso strade differenti che hanno comunque fatto in modo che questo trio, forte delle esperienze vissute anche nell’ambito pop, si formasse e fosse pronto ad emozionare il pubblico durante i loro concerti.

Bruno Santori

PIANOFORTE

E’ stato il direttore stabile e artistico dell’”Orchestra Sinfonica di Sanremo”, della “Sanremo Festival Orchestra” e direttore artistico di “Omnia Orchestra”, Direttore Artistico dell’Orchestra Filarmonica Italiana.Evolution, attualmente è il Direttore Artistico e Stabile della “Mediterranean Orchestra".

A 5 anni inizia studiando pianoforte, avvicinandosi alla musica leggera facendo parte dei “Daniel Sentacruz Ensemble”, che con “Soleado” conquistano le vette delle classifiche internazionali. A quel tempo, parallelamente, compie gli studi classici diplomandosi in pianoforte sotto la guida del M° Paolo Bordoni. Al termine degli studi, a Londra, frequenta un corso di perfezionamento con il M° Arnaldo Cohen. In seguito diviene allievo per la direzione d’orchestra del M° Franco Ferrara e in seguito del M° Gianluigi Gelmetti, di cui diverrà assistente.

Nel ’90 fonda DB One Music di cui sarà presidente per oltre 15 anni, casa discografiche e di produzione, proprietaria di  studi di registrazione tra i più importanti in Italia.

Nella sua carriera ha diretto importanti orchestre tra cui: Solisti del Teatro Alla Scala di Milano, Virtuosi dei Berliner Philharmoniker, l’Orchestra del Teatro della La Fenice di Venezia, l’Orchestra dell’Opera di Budapest, l’Orchestra Sinfonica della RAI di Roma, esibendosi a volte anche come pianista.

Tra le produzioni discografiche spiccano il doppio cd/dvd “Orchestra” dei Nomadi, “PFM in classic” con il gruppo PFM e  “30 i nostri anni” degli Stadio. Dopo molti Festival di Sanremo come direttore di grandi artisti del panorama musicale italiano, viene nominato Direttore Musicale della 59^ edizione del Festival di Sanremo, al fianco di Paolo Bonolis.

Nel 2008 riceve il “Premio Giordaniello” alla carriera. Dal 2010 al 2014 ricopre il ruolo di direttore artistico di “Area Sanremo”. Nel 2015 è insignito dalla Regione Lombardia del titolo di testimonial EXPO del sito UNESCO di Crespi d’Adda.

Dopo molti eventi televisivi, sia nella classica che nella pop, e dopo 50 anni di carriera attualmente è direttore musicale di “Radio Italia Live: Il concerto”, evento classificato sempre al primo posto dal Beait.

Il 17 marzo 2017 il ministro del turismo di Malta, Dr. Edward Zammit Lewis, gli ha conferito il titolo di “Tourism Ambassador of Malta”.

Stefano Bertoli

BATTERIA

Si avvicina alla musica improvvisata versa la metà degli anni settanta. Da allora ha compiuto numerose esperienze, allargando progressivamente il proprio raggio d’azione. Ha studiato alla scuola di G. Cazzola e di A.Golino, frequentando inoltre i corsi di musica di insieme tenuti da Franco D’Andrea.

Ha svolto e svolge tuttora un’ intensa attività nel campo musicale in ambito concertistico, didattico ed organizzativo.

Ha collaborato con numerosi musicisti (G.Trovesi, G. Coscia, T.Tracanna, S.Bonafede…) suonando sia in piccoli gruppi che in grandi organici (J.W. Orchestra, Ensemble Mobile, Trovesi con Filarmonica Mousikè, Dino Betti….). Ha collaborando inoltre con ensemble di soli percussioni (Dadadang, Odwalla…), interagendo anche con altre forme espressive quali danza, teatro e cinema (L.Lo Cascio, A.Bergonzoni, E. De Caro…).

Durante la sua carriera ha suonato in numerosi festival e rassegne in Italia e all’estero (Bergamo Jazz , Iseo, Clusone, Siena; Parigi, Ravenna, Ivrea, Como, Palermo, Milano, Ferrara, Roma, Bruxelles, Charleroi, Londra, Berlino, Anversa, Groningen, Beirut, Moers, Barcellona, Nuoro, Cagliari, Tunisi…..) partecipando inoltre alla registrazione di oltre 50 cd con alcune delle più importanti case discografiche specializzate (Ecm, Soul Note, Dischi della Quercia, Egea, Splasch…).

Svolge inoltre intensa attività didattica nell’ambito dell’Associazione Suonintorno di cui è presidente e con la quale organizza da numerosi anni l’omonima rassegna musicale.

Attualmente è insegnante di batteria jazz presso il Conservatorio “L. Marenzio” di Brescia.

Fabio Crespiatico

BASSO

bassista, contrabbassista, diplomato e con un corso postgraduate presso la prestigiosa Universität fűr Musik und darstellende Kunst Wien a Vienna, vanta numerose collaborazioni che spaziano dal jazz al pop alla musica classica.

Nel corso della sua carriera ha avuto la possibilità di collaborare con prestigiose orchestre tra cui: Orchestra Teatro Verdi Trieste, Orchestra Filarmonica Italiana, Filarmonia Veneta.

Tra gli artisti più importanti con cui ha collaborato in ambito pop, durante trasmissioni televisive e concerti, ci sono: Alessandra Amoroso, Annalisa, Malika Ayane, Alessio Bernabei, Paul Buckmaster, Dolcenera, Fausto Leali, Emma Marrone, Francesca Michelin, Nair, Noemi, Laura Pausini, Lola Ponce, CeCe Rogers, Patty Smith, Syria, Gio di Tonno, Paola Turci, Roberto Vecchioni, Michele Zarrillo.

Moltissime sono state le collaborazioni di Fabio Crespiatico in ambito jazz: Mario Piacentini, Francesco Orio, Tony Arco, Stefano Bagnoli, Franco D’Andrea, Enrico Rava, Stefano Battaglia, Giovanni Falzone, Achille Succi, Ferdinando Faraò, Enzo Rocco, Carlo Actis Dato, Robert Bonisolo.

Frutto dell’intensa preparazione jazzistica, risale invece al 2011 l’uscita del suo primo album da solista “PORTRAITS”, edito dall’etichetta jazz “ABeat”, in cui si avvale della collaborazione di Mario Piacentini, Robert Bonisolo e Stefano Bagnoli. Da segnalare nel 2016 l’uscita del disco Causality Chance Need  con i Francesco Orio Trio per l’etichetta Nau, trio presentato per la prima volta ad Umbria Jazz 2016.

Docente di basso elettrico jazz ad indirizzo popular presso il conservatorio “A. Boito” di Parma.