Forte e apparente,

nel mio centro giubilo,

di quel destino tiepido

che il tuo caldo abbraccio mi appartenne.

Ora affidato a te,

nel viaggio siderale di quell’ infinito tempio cosmico ,

che porta luce fulgente su di un destriero impavido,

in un suo viaggio aulico,

eppur amabilmente disarcionato da quella spavalda e regale menzogna,

che fu il nostro immenso e penetrante amore

Share: